LAVORO FORMAZIONE EVENTI PUBBLICAZIONI SALA STAMPA MAGAZINE CONTATTI

blocchi_inside

"È in fase di definizione, per la prossima sottoscrizione, il nuovo Accordo per la valorizzazione del sistema scientifico dei Centri di ricerca nazionali ed internazionali, delle Università e dei Parchi scientifici e tecnologici presenti in Friuli Venezia Giulia.." [...]

 

Intervista a Francisco Baralle che si appresta a passare la carica a Mauro Giacca.

 

Realizzato un progetto a lungo inseguito da EvK2CNR: è stata installata ed è operativa l’Everest  Seismic Station - Pyramid.

 

Enrico Alleva, dell’Istituto Superiore di Sanità, presenterà i risultati delle sue ultime ricerche in una conferenza pubblica alla SISSA.


 

La SISSA partecipa a un studio internazionale sull’espressione del genoma tracciando una mappa di come i geni variano nei tessuti biologici.

 

Le stelle, per certi versi, possono essere descritte in maniera molto semplice....

 

Toccabili con mano i risultati concreti di tre progetti di ricerca industriale pluriennali per l’inclusione sociale delle persone anziane e disabili.
Due appartamenti-test dimostrano che l’ingresso in casa di riposo può essere ritardato quando non evitato.

 

Lo dicono la scienza e l’esperienza “sul campo”: sono la cultura e la conoscenza le vere risposte da dare al razzismo. Il ministro Kyenge alla SISSA per la conferenza “Neuroscience of Racism” con Elisabeth Phelps, neuroscienziata della New York University.


Maggiore efficienza nella riduzione delle emissioni inquinanti, nella produzione di materiali e di energia: Università di Trieste con collaborazioni in USA che ha messo a punto un metodo semplice ed efficace per comprendere come funzionano i catalizzatori eterogenei.

 

Le Valutazioni sulla Qualità della Ricerca pubblicate dall’ANVUR confermano la SISSA al primo posto per tutti tre i suoi settori di ricerca. Un risultato senza pari in Italia, che dimostra l’altissima qualità nelle pubblicazioni scientifiche della Scuola.

 

Business, networking e convivialità saranno al centro di una serie di eventi che avrà luogo il 23 luglio 2013 in AREA Science Park. L’occasione è l’arrivo a Trieste di Barcamper, il programma per le startup finalizzato all’accelerazione e alla creazione d’impresa, attraverso la ricerca sul territorio di idee ad elevato impatto.

 

“Si tratta di un evento importante, uno dei punti forti del programma di Trieste Estate una sorta di sperimentazione di quello che potrà essere il futuro centro per la scienza nell'ex Pescheria. È come una finestra su quello che Trieste ancora non è ma un giorno sarà.."


  [X]
 

L'IMMAGINARIO SCIENTIFICO SI METTE IN GIOCO

Si è svolta presso la Sala Matrimoni del Comune di Trieste la conferenza stampa di presentazione della manifestazione TRAME DI GIOCO, SCIENZA, FUTURO, promossa dal Comune di Trieste - Assessorato alla Cultura e organizzata dall'Immaginario Scientifico. Ad intervenire l'Assessore alla Cultura Franco Miracco, il presidente dell'Immaginario Scientifico Mario Bucher e il direttore Fabio Carniello.

A partire dall’inaugurazione il 19 luglio alle 18.30, alla presenza delle autorità, fino al 10 agosto, ogni sera dalle 17.00 alle 23.00 TRAME riempirà il Salone degli Incanti di Trieste con i suoi ospiti, le mostre e le installazioni, i corsi, i laboratori, le attività e gli eventi speciali.

“Si tratta di un evento importante, uno dei punti forti del programma di Trieste Estate – sottolinea Miracco – una sorta di sperimentazione di quello che potrà essere il futuro centro per la scienza nell'ex Pescheria. È come una finestra su quello che Trieste ancora non è ma un giorno sarà, ovvero un luogo dove si intrecciano contenuti legati al mondo della scienza, della tecnologia, dell'arte, della cultura ma anche dell'alimentazione, in luoghi e palazzi – come l'ex Magazzino vini o Palazzo Carciotti –che ancora non parlano ma che, come piccoli fuochi che si accendono, rappresentano un suggerimento per il futuro della città.”

Ai ringraziamenti del presidente dell'IS Mario Bucher – che sottolinea quanto questa manifestazione sia un'opportunità per permettere all'Immaginario di dialogare con il Comune, con i collaboratori e con il pubblico in una sorta di anticipazione che si spera possa diventare definitiva – al Comune e agli sponsor EstEnergy e Rotary Club Trieste, segue la presentazione del programma di Fabio Carniello, direttore dell'IS: “Trame è per noi l'occasione di portare per 23 giorni i nostri contenuti in centro a Trieste. Il pubblico di tutte le età potrà così entrare in contatto con le nostre esposizioni di “exhibit hands-on” (postazioni interattive), le multivisioni, i laboratori e in generale con la nostra modalità di comunicare la scienza, ovvero in modo da coinvolgere i visitatori in prima persona”. Carniello ribadisce anche come filo conduttore di TRAME l'importanza di condividere e diffondere i saperi e le conoscenze, come si usa fare nella comunità scientifica, ed è in quest'ottica che è organizzato il concorso di idee “Wunder” a cui giovani architetti, grafici, designer e creativi sono chiamati a immaginare e progettare assieme all'IS e a chiunque voglia intervenire, anche dal pubblico, il futuro dell'ex Pescheria”.

E a proposito dell'installazione “Trieste Coffee Exhibit”, organizzata da Trieste Coffee Cluster - Agenzia per lo Sviluppo del Distretto Industriale del Caffè, il presidente Furio Suggi Liverani segnala che TRAME sarà il primo nucleo del futuro museo diffuso del caffè, visto che il 15% del fatturato nazionale di caffè viene proprio da Trieste.

Trame di gioco, scienza, futuro: spazio alla creatività condivisa
Le trame sono intrecci, punti di contatto, fili che collegano il passato con il futuro, i bambini con gli adulti, la scienza con la musica, l’arte con il corpo, la natura con la danza. Ma le trame sono anche punti di partenza, spunti e intuizioni da seguire per costruire assieme un progetto, un’idea, un percorso. Ecco allora che Trame si pone come “spazio di creatività condivisa”, dove tutti possono partecipare per costruire il presente e immaginare il futuro. Quasi fosse una manifestazione "2.0", in cui tutti gli utenti hanno un ruolo, Trame prevede che i visitatori interagiscano fra di loro, ma anche con la location d'eccezione (l'ex Pescheria), nonché con il programma, che si costruisce man mano e si "tesse" assieme.
Tutti potranno raccontare, immaginare, dare visioni sul futuro, in ogni campo di interesse di Trame, cioè dalla fisica all'astronomia, dalla genetica alla biologia marina, dalla musica alla neuroetica, con ospiti del calibro di Ilaria Capua (parlamentare, virologa e vice presidente della Commissione Cultura di Montecitorio), Francesco Paresce Marconi (noto fisico e astronomo italiano, nonché nipote di Guglielmo Marconi), Fiorenzo Galli (direttore del Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano), Michele Lanzinger (direttore di Muse, il nuovo science centre di Trento), Maurizio Fermeglia (neo Rettore dell'Università di Trieste), Mauro Giacca (direttore di ICGEB). Ma tanti saranno anche i nomi di giovani talenti e ricercatori che stanno costruendo ed esplorando nuovi orizzonti lavorativi e digitali, come Alessandro Ranellucci, recentemente balzato alle cronache per aver inventato un software open source per le stampanti 3D, o come i giovani innovatori di The Hub Trieste.

Largo spazio verrà dato proprio all'innovazione, che a Trame si incrocia con l'arte: nello spazio Createch, una sorta di vero e proprio "laboratorio aperto", ci saranno performance artistiche dal vivo, come l'installazione anamorfica "Reflecting Hole" di Mattia Campo Dall'Orto o l'opera "Geometrie organiche" che Davide Comelli realizzerà con la tecnica della graffite.
E poi ancora sessioni dimostrative di volo, con i droni di AirVision, una luna in legno con pittura fosforescente di Mauro Benetti, laboratori di robotica didattica con Arduino e sessioni libere per apprendere ad utilizzare le stampanti in 3D.

Scienza e natura fanno da sfondo alle mostre e alle multivisioni presenti a Trame, come le rassegne fotografiche naturalistiche "Predatori del microcosmo", di Emanuele Biggi e Francesco Tomasinelli. "Immagini dal Pianeta Terra", di Simone Sbaraglia e le più belle foto immagini delle passate edizioni del concorso “Arte o Scienza? Immagini dalla ricerca”. Trame sarà anche l’occasione per vedere le multivisioni targate Immaginario Scientifico, che a rotazione saranno visibili sui maxischermi: dall’ultima mostra prodotta “BigWORLD BigSCIENCE” alle nuvole di “Tempi&Stratempi”, dalle stelle e galassie di “Cosmica” alle strane creature di “Altromare”, dalle più significative scoperte scientifiche di “DeRevolutionibus” alla sostenibilità ambientale di “EAR-Energia Acqua Rifiuti”. Alla catalogazione degli esseri viventi è dedicata l’installazione “Il corallo della vita”, mentre la mostra “100mila anni in un foglio di carta” rappresenta il dipanarsi dei 4,3 miliardi di storia del nostro pianeta. Infine l'installazione “Trieste Coffee Cluster” propone un itinerario sensoriale e culturale attraverso i luoghi simbolo del binomio Trieste e caffè.

E al caffè sono dedicati anche i corsi dell'Università del Caffè, il centro di eccellenza creato da illycaffè per promuovere e divulgare la cultura del caffè, e che propone lezioni sugli aromi e sulla storia del caffè, con degustazioni e test olfattivi. Mette alla prova i sensi anche la Rete Giovane di Slow Food Trieste, con attività per imparare a conoscere i cibi e per scoprire come trasformare gli avanzi in cosmetici naturali.

Ogni giorno per bambini e famiglie ci saranno attività ludo-didattiche e laboratori curate dall'Immaginario Scientifico, con le visite guidate ai caratteristici "exhibit hands-on" – tutti da toccare, manipolare e sperimentare per toccare con mano la scienza e la natura – e i laboratori di costruzione individuale o di gruppo sull'uso dell'acqua, sul riciclo, sulla luce e sugli specchi, ma anche sul magnetismo e sulla chimica cosmetica, per bambini e ragazzi a partire da 2 anni. Imperdibili le "serate Immaginarie", in cui i partecipanti incontrano un famoso personaggio della storia della scienza, la divertente caccia al tesoro con, costruzione di una batteria, a cura della Casa della Musica, e la visita notturna all’Aquario, a cura dei Civici Musei Scientifici di Trieste.

La terza settimana di Trame, dal 6 al 10 agosto, arte e scienza fanno un passo indietro e lasciano spazio a “Santa Maria del Guato”, ovvero proprio l’ex Pescheria di Trieste, dove in futuro è previsto l’insediamento permanente dell’Immaginario Scientifico, assieme alle altre realtà scientifiche del territorio, per renderla uno spazio di esposizione e libera fruizione della scienza e della cultura. Il passato diventa presente quindi, e poi futuro, con interventi su temi di progettazione museale che vedranno coinvolti i protagonisti dei musei del territorio, e con il concorso di idee “Wunder”, dedicato a giovani creativi che, senza l’influenza di grandi nomi, sono invitati a progettare e immaginare il futuro science centre nel Salone degli Incanti. A corredo di queste giornate dedicate alla progettazione e all’architettura, continueranno gli incontri, le mostre e le esposizioni, in modo che i partecipanti al contest e i visitatori interessati possano interagire e confrontarsi, in un contesto dinamico e informale.

Spazio alla musica e allo spettacolo infine, con la prima milonga nel Salone degli Incanti, cornice d'eccezione per le "tande" organizzate dalla GB Dance School, e con lo spettacolo di ginnastica ritmica della ASD Libertas, mentre con l’esibizione artistica dal vivo “SandArt” la sabbia si trasforma in figure animate, con suggestive narrazioni, luci, musica e canto.

Fonte: Immaginario Scientifico

Pubblicato il 16/07/2013
 

Google
 
Cerca in Sala Stampa
Cerca in Pubblicazioni
UPDATE
RSS

12.03  07/10/2014

RICERCA:SERRACCHIANI, IL FVG ESPORTA RICERCA, ATTRAE "CERVELLI"

11.17  27/06/2014

UNA SOLUZIONE SEMPLICE PER I BIG DATA

15.46  26/06/2014

STUDIARE I GEMELLI PER CAPIRE IL PREGIUDIZIO

11.15  23/06/2014

GESTI CHE PARLANO

PERCORSI