LAVORO FORMAZIONE EVENTI PUBBLICAZIONI SALA STAMPA MAGAZINE CONTATTI

blocchi_inside

"È in fase di definizione, per la prossima sottoscrizione, il nuovo Accordo per la valorizzazione del sistema scientifico dei Centri di ricerca nazionali ed internazionali, delle Università e dei Parchi scientifici e tecnologici presenti in Friuli Venezia Giulia.." [...]

 

Intervista a Francisco Baralle che si appresta a passare la carica a Mauro Giacca.

 

Realizzato un progetto a lungo inseguito da EvK2CNR: è stata installata ed è operativa l’Everest  Seismic Station - Pyramid.

 

Enrico Alleva, dell’Istituto Superiore di Sanità, presenterà i risultati delle sue ultime ricerche in una conferenza pubblica alla SISSA.


 

La SISSA partecipa a un studio internazionale sull’espressione del genoma tracciando una mappa di come i geni variano nei tessuti biologici.

 

Le stelle, per certi versi, possono essere descritte in maniera molto semplice....

 

Toccabili con mano i risultati concreti di tre progetti di ricerca industriale pluriennali per l’inclusione sociale delle persone anziane e disabili.
Due appartamenti-test dimostrano che l’ingresso in casa di riposo può essere ritardato quando non evitato.

 

Lo dicono la scienza e l’esperienza “sul campo”: sono la cultura e la conoscenza le vere risposte da dare al razzismo. Il ministro Kyenge alla SISSA per la conferenza “Neuroscience of Racism” con Elisabeth Phelps, neuroscienziata della New York University.


Maggiore efficienza nella riduzione delle emissioni inquinanti, nella produzione di materiali e di energia: Università di Trieste con collaborazioni in USA che ha messo a punto un metodo semplice ed efficace per comprendere come funzionano i catalizzatori eterogenei.

 

Le Valutazioni sulla Qualità della Ricerca pubblicate dall’ANVUR confermano la SISSA al primo posto per tutti tre i suoi settori di ricerca. Un risultato senza pari in Italia, che dimostra l’altissima qualità nelle pubblicazioni scientifiche della Scuola.

 

Business, networking e convivialità saranno al centro di una serie di eventi che avrà luogo il 23 luglio 2013 in AREA Science Park. L’occasione è l’arrivo a Trieste di Barcamper, il programma per le startup finalizzato all’accelerazione e alla creazione d’impresa, attraverso la ricerca sul territorio di idee ad elevato impatto.

 

“Si tratta di un evento importante, uno dei punti forti del programma di Trieste Estate una sorta di sperimentazione di quello che potrà essere il futuro centro per la scienza nell'ex Pescheria. È come una finestra su quello che Trieste ancora non è ma un giorno sarà.."


  [X]
 

IN CORDATA, PER STUDIARE LE VIBRAZIONI DELLE MONTAGNE

Non si fa avvicinare facilmente: per accedervi, bisogna percorrere 900 metri di dislivello lungo un sentiero impegnativo che costeggia un ripido ghiaione. Ma la sua bellezza e la sua natura selvaggia incantano chiunque riesca ad avere ragione delle asperità naturali. È il Campanile di Val Montanaia, un monolito (non un edificio religioso, dunque) nell’Alta Val Cimoliana, 120 metri di altezza sul lato Nord-Nord-Est e 240 a Sud, su una base di 60 metri. Creato grazie all’erosione dei ghiacciai che ricoprivano la valle fino a 10 mila anni fa, questo gigante fatto di Dolomia Principale - cui si alternano strati più sottili e meno compatti di calcare dolomitico, con limo argilloso – interessa molto i geologi e i sismologi di OGS, l’Istituto nazionale di oceanografia e di geofisica sperimentale.


Il perché è presto detto: il 9 giugno scorso, una scossa di M4.3 vicino a Barcis ha allarmato la popolazione locale, facendo temere una possibile riattivazione del “Crep de Savath” (una frana incombente su Cimolais) e possibili lesioni al Campanile.

Così, Livio Sirovich, Massimo Giorgi, Franco Pettenati e Stefano Picotti hanno deciso di affrontare il problema “a modo loro” e sono partiti alla volta della parete. “Ci siamo chiesti come oscilli questa guglia rocciosa – spiega Giorgi - e quale sia il suo stato di salute rispetto alle zone sismiche più vicine (Claut, Barcis e soprattutto la zona del Cansiglio, teatro, nel 1936 di un terremoto di Magnitudo 5.8-6)”. Per rispondere, sono state effettuate misure direttamente in parete e in cima alla guglia, al termine di un’arrampicata di IV grado, con un passaggio di V. “Ci siamo attrezzati con due tomografi digitali (misuratori di vibrazioni spontanee di bassa intensità), e ci siamo divisi i compiti” spiega Giorgi, che insieme a Pettenati e Picotti ha effettuato la scalata della parete sud, mentre Sirovich iniziava le misure alla base e attorno al campanile. In sede sono stati affiancati da Marco Mucciarelli, neo direttore della sezione sismologica dell’ente ed esperto nell’interpretazione dei dati tomografici.

Lungo l’arrampicata sono state fatte sette misurazioni e tracciati i diagrammi delle oscillazioni. “In questo modo – spiegano i ricercatori – siamo riusciti a definire le diverse modalità di oscillazione del Campanile”. Accanto a oscillazioni principali che interessano la base, quantificabili nell’ordine delle 2,7-1,5 oscillazioni al secondo (sulla base di diverse direzioni di misurazione) sono presenti anche modi superiori di oscillazione, di natura torsionale. Dice Sirovich: “Il Campanile ha una base allungata in direzione della valle, con una larghezza inferiore in direzione trasversale; i due modi oscillatori della base potrebbero corrispondere alle diverse “rigidezze flessionali” del monolito in queste due direzioni. I modi secondari sono ancora tutti da indagare mediante il confronto con le altre misure. Servono ulteriori analisi per capire se la cuspide oscilli in modo più o meno solidale con la parte inferiore del Campanile”. L’interesse scientifico per il monolito non si è dunque spento. Ma continua pure quello turistico: vale la pena ricordare che questa famosissima guglia delle Dolomiti friulane è catalogata tra i geositi di interesse della nostra regione, ed è stata inserita dall’UNESCO fra i siti patrimonio dell’umanità, il 26 giugno 2009.

 

Fonte: OGS

Pubblicato il 08/10/2012
 

Google
 
Cerca in Sala Stampa
Cerca in Pubblicazioni
UPDATE
RSS

12.03  07/10/2014

RICERCA:SERRACCHIANI, IL FVG ESPORTA RICERCA, ATTRAE "CERVELLI"

11.17  27/06/2014

UNA SOLUZIONE SEMPLICE PER I BIG DATA

15.46  26/06/2014

STUDIARE I GEMELLI PER CAPIRE IL PREGIUDIZIO

11.15  23/06/2014

GESTI CHE PARLANO

PERCORSI