Newwave Media srl

Trieste Città della Scienza

TRIESTE NEXT – 2019
gli appuntamenti e gli ospiti più attesi

In attesa di Trieste Capitale Europea della Scienza 2020, la città si prepara anche quest’anno ad ospitare, dal 27 al 29 settembre, il Festival della Ricerca Scientifica “Trieste Next” che giunge alla sua ottava edizione e che quest’anno s’intitola “Big Data, Deep Science: il futuro della scienza e degli umani nell’era dell’intelligenza aumentata”.

L’appuntamento per la cerimonia d’inaugurazione è fissato venerdì 27 settembre ore 10.00 in Piazza Unità d’Italia.

A tagliare il nastro e dare avvio al festival saranno presenti le princiali autorità organizzatrici e promotrici dell’evento:

Roberto Dipiazza, sindaco Comune di Trieste
Angela Brandi, assessore Educazione, scuola, università e ricerca, Comune di Trieste
Sergio Paoletti, presidente Area Science Park
Stefano Ruffo, direttore SISSA-Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati
Roberto Di Lenarda, rettore dell’Università di Trieste
Antonio Maconi, direttore Trieste Next
Serena Mizzan, direttore Immaginario Scientifico
Maria Cristina Pedicchio, presidente Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS
Massimiliano Fedriga, presidente Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

GLI APPUNTAMENTI PIÙ ATTESI

  • Presentazione della “N/R LAURA BASSI”
    La nuova nave di ricerca oceanografica dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale OGS di Trieste.
    La rompighiaccio sarà presentata in anteprima assoluta a TriesteNext: sarà attraccata proprio davanti a Piazza dell’Unità d’Italia per tutti i tre giorni della manifestazione e sarà aperta al pubblico per la prima volta grazie a un calendario di visite guidate a cura dei ricercatori OGS.
  •  

  • La notte europea dei ricercatori – SHARPER NIGHT
    Anche quest’anno la Commissione Europea ha selezionato il festival triestino della ricerca scientifica come punto di riferimento italiano per le manifestazioni di divulgazione scientifica. Ritorna dunque anche La Notte Europea dei Ricercatori, festeggiata contemporaneamente in tutti gli stati membri e in molte città italiane.
    A Trieste si svolgerà con il titolo “SHARPER” che significa “SHAring Researchers’ Passion for Evidences and Resilence”.
    Tutti i cittadini sono invitati alla scoperta del mestiere e del ruolo del ricercatore nei confronti della società e del suo avanzamento con stand, dimostrazioni e incontri con i protagonisti della ricerca scientifica.
  •  

  • TECH STORIES
    Una singolare esperienza di divulgazione a cavallo tra impresa e ricerca scientifica è quella proposta dall’ente nazionale di ricerca e innovazione Area Science Park, con Tech stories, la sua prima web series.
    Sviluppata in cinque puntate, la serie racconta le esperienze di altrettanti ricercatori e imprenditori che operano in diversi settori: dall’astrofisica alla sensoristica, dalla nutrizione alla stampa 3D che ci raccontano delle motivazioni e le passioni che li hanno spinti a realizzare i loro progetti di ricerca e sviluppo tecnologico. La web series sarà presentata in anteprima nazionale in occasione del festival.
  •  

  • WHAT’S NEXT? Il futuro della ricerca sul cancro
    Da non perdere il consueto appuntamento organizzato da Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro con “What’s Next? Il futuro della ricerca sul cancro” che ha come protagonisti alcuni dei ricercatori di punta dell’Associazione: Anna Mondino, Luca Vago, Barbara Belletti, Giannino Del Sal e Davide Melisi. La tavola rotonda sarà moderata dal giornalista medico-scientifico Marco Pivato (Tuttoscienze-La Stampa).

 

GLI OSPITI

Fra gli ospiti di punta dell’edizione 2019 troviamo

  • Luca Attias, commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda Digitale interverrà con una Keynote lecture dal titolo “Italia: un Paese troppo poco digitale?”
    venerdì 27 settembre alle ore 16:30 presso il Teatro Miela
  • Sabina Leonelli, filosofa della scienza all’Università di Exeter che in video collegamento ci parlerà de “Le nuove frontiere della ricerca europea”
    sabato 28 settembre alle ore 11:30 presso il Teatro Miela;
  •  

  • Marc Mézard, direttore della Scuola Normale Superiore di Parigi, porterà a Trieste la sua Keynote lecture dal titolo “Verso l’era dell’intelligenza aumentata?”
    sabato 28 settembre alle ore 16:30 presso il Teatro Miela
  •  

  • Peter Wadhams, docente di Fisica degli oceani dell’Università di Cambridge (fra i protagonisti del recente documentario HBO Ice on fire, prodotto da Leonardo di Caprio), che sarà protagonista dell’incontro “Farewell to ice”, addio ai ghiacci, come intitola il suo ultimo lavoro finalista del Premio Galileo 2019.
    sabato 28 settembre alle ore 18:00 presso il Teatro Miela
  •  

  • Antonio Moschetta, medico e docente di Medicina Interna Università di Bari, dialogherà con la giornalista Marinella Chirico di Rai Friuli Venezia Giulia sul tema “i big data e la nuova sfida del microbiota”
    sabato 28 settembre alle ore 21:00 presso il Teatro Miela;
  •  

    E poi ancora saranno ospiti della giornata conclusiva di Trieste Next:

    • Oliver Bruns e Jian Cui, rispettivamente principal investigator in SWIR imaging e nanomateriali e nanofotonica all’Helmholtz Pioneer Campus di Monaco interverranno nell’incontro “La medicina riparte dai dati nanomateriali, nanofotonica e imaging”
      domenica 29 settembre alle ore 10:00 presso il Teatro Miela;
    •  

    • Anna Mondino, capo Unità di Ricerca IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, la quale parteciperà all’incontro “What’s next? Il futuro della ricerca sul cancro” curato da Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro.
      domenica 29 settembre ore 11:30 presso il Teatro Miela